Salta il contenuto
✔️ Spedizione GRATIS da 79€ ✔️ Miglior Prezzo ✔️ Garanzia Italiana ✔️ Contattaci 0833/1938061
✔️ Spedizione GRATIS da 79€ ✔️ Miglior Prezzo ✔️ Garanzia Italiana ✔️ Contattaci 0833/1938061

Bonus mobili

Prolungato per il 2022 chi acquista mobili ed elettrodomestici può detrarre il 50% dei costi.

320.222.0.666

info@doomostore.com

Maggiori info

Bonus mobili 2022: fino al 31 dicembre 2022 chi acquista mobili ed elettrodomestici può detrarre il 50% dei costi. Si tratta di un’interessante iniziativa che nasce per favorire la riqualificazione immobiliare ed energetica, un aiuto pensato appositamente per famiglie e giovani coppie.  In questa maniera è possibile usufruire delle detrazione IRPEF fino ad un valore del 50% sull’acquisto di arredamento e di grandi elettrodomestici di categoria A+, ad esclusione dei forni per i quali è compresa anche la classe A.

Per ottenere il bonus ristrutturazione è necessario realizzare un rifacimento edilizio sia per quel che riguarda piccole unità immobiliari che quelle residenziali. È importante però che la data di inizio dei lavori di ristrutturazione sia antecedente a quella in cui si acquistano i beni. Ad esempio, i lavori che danno diritto al mobili bonus 2019 sono la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione edilizia, il restauro e il risanamento conservativo.

Spesa massima possibile

In maniera indipendente dalla cifra di spesa effettuata per la ristrutturazione, il 50% di detrazione deve fare riferimento ad una base di importo massimo di 16000€ che riguarda la singola unità immobiliare e le spese sostenute per per l’acquisto di elementi d’arredo e grandi elettrodomestici.

Come posso ottenerla

Questa tipologia di detrazione si può ottenere indicando le spese sostenute all’interno delle propria dichiarazione dei redditi.

Ovviamente, per avere i requisiti necessari al bonus arredi 2019 è indispensabile effettuare i pagamenti su mobili e grandi elettrodomestici con bonifico o carta di credito o debito. Proprio per questo si consiglia di conservare la ricevuta del bonifico o quella di avvenuta transazione, la documentazione di addebito su conto corrente e le fattura di acquisto dei beni, riportanti all’interno la natura, la qualità e la quantità dei prodotti e dei beni acquisiti.